Lights
PER NON DIMENTICARE
Home
IL LAVORO
Home
QUA E LA
Home
I PROGETTI
Home
INCIDERE
Home
LE EDIZIONI E I DISEGNI
Home
COSA BOLLE IN PENTOLA
Home
LA RETE
Home

e i miei pensieri

Ogni tanto avviene di formulare qualche pensiero, più o meno ragionato, più o meno intelligente, più o meno utile, ma che serve, talvolta, a liberare la mente.

Spessore



Un po' spesso, sottile, sottilissimo, troppo spesso, spessore calibrato: tanti aggettivi per indicare la terza dimensione delle cose.
Lo misuriamo con il metro il calibro lo spessimetro.
Ma quando si dice una persona di spessore a cosa ci si riferisce? Non certo alla sua "terza" dimensione, ma a qualche cosa di "intangibile": con cosa misuriamo questo tipo di spessore?
Abbiamo qualche strumento che ci permette di valutare questo tipo di spessore?Abbiamo ascoltato parole e ragionamenti e, se erano in sintonia con i nostri, il nostro giudizio è stato: una persona di spessore. Ma se ha detto poche parole e, peggio, in disaccordo con noi, è diventata una persona di poco spessore.
Ma non ci siamo per caso lasciati ingannare dalle troppe parole? Come abbiamo potuto valutare quello che c'è dietro le parole di quella persona?
Credo che spesso ci lasciamo fuorviare da tante parole, dai venditori di fumo, dai parolai, senza renderci conto che dietro alle parole non c'è nulla.


Uguaglianze

"All'interno del Casinò non sono obbligatori l�uso della giacca e della cravatta, ma comunque è gradito un abbigliamento decoroso ovvero sono da evitare magliette senza maniche o canottiere, pantaloncini corti da spiaggia (per uomo), abbigliamento da palestra, cappelli o cappellini, calzature tipo zoccoli, ciabatte e infradito (per uomo)."
Cosa stanno ad indicare queste differenze di trattamento tra uomo e donna?
Una donna può entrare in calzoncini corti, maglietta senza maniche e infradito ai piedi.
Una donna può abbigliarsi con una scollatura, meglio se ampia e profonda, mentre un uomo con la camicia aperta è veramente poco decoroso.
Una donna può mostrare i deliziosi piedini calzati da una scarpina fatta solo di una sottile stringa, mentre un uomo che mostri le dita dei piedi è fonte di scandalo.
Una donna mostra le braccia ben tornite e anche le spalle e viene guardata con ammirazione, mentre l'esposizione delle stesse parti fatta da un uomo è guardata con sospetto e forse anche disgusto.
La signora indossa un cappello civettuolo, con un fiore o delle penne, ma magari si mette un cappellino con visiera: di lei si dirà che è alla moda ma dell'uomo che indossa lo stesso copricapo si dirà che è un cafone.
Voglio diventare anch'io donna per una vera uguaglianza

Libri e libri

Perfetto nelle dimensioni, lo tieni bene tra le mani, lo apri con piacere, lo sfogli e le pagine di carta, morbida al tatto, con giusto nerbo si offrono alla vista con bei margini equilibrati.
Sempre parlando di carta, non c'è traccia di patinatura, ma si sente la cellulosa sotto le dita.
L'apertura è perfetta senza la necessità di faticare per leggere quanto finisce nella parte della legatura. Anche la legatura è ben cucita, giustamente stretta ma con il dorso morbido e flessibile.
Questo è il libro che mi piace leggere e consultare.
Perché questa difesa del libro?
Per spiegare che nessun libro letto su un video potrà mai essere paragonato o anche solo lontanamente confrontato con un vero libro.
Nostalgia di tempi andati o residui del piacere di un gusto che va lentamente scomparendo?

Gusto

Divertente, ieri ho scritto menu e oggi scrivo gusto.
Niente a che fare con vivande e cibi. Il menu è semplicemente un indice e gusto si riferisce al senso del bello che ha a che fare con gli occhi, anziché col palato. Ma a anche a che fare molto con lo spirito.
Il gusto è sicuramente qualce cosa di indefinibile e, comunque, molto soggettivo. è legato all'epoca, alla moda. Gusti che andavano bene o erano graditi nel 1920, gusti liberty, sono oggi guardati con sufficienza.
Restano per in ogni scelta delle basi di ordine, pulizia, organizzazione, restano delle regole.
Sul web tutto questo viene cancellato. Persone che non hanno nessuna idea di cosa sia ordine o organizzazione o, come lo definisco io, gusto, preparano pagine assolutamente illeggibili e gradatamente il gusto generale decade e peggiora di giorno in giorno.
Bello era quando chi sapeva faceva e veniva guardato con ammirazione e veniva imitato!

Menu

Non siamo al ristorante, non leggiamo flan di formaggio o bucatini all'amatriciana.
Stiamo parlando di qualche cosa da leggere, uno strumento che ci permette di ricavare delle informazioni.
Perché, allora chiamarlo menu e non più appropriatamente indice?
E poi perché spargerlo a pezzi su tutta la pagina? Un buon indice è costituito da un unico blocco di informazioni, diviso per alfabeto o, eventulamente, per temi. Non sarebbero più logici allora due indici, uno per temi e uno alfabetico? Cosa rappresenta, in fondo la site map, se non la voglia di far vedere quello che contiene il sito, ma costrigendoci a percorrere tutte le voci per trovare quello che cerchiamo? Sempre con il solito paragone con la stampa, le uniche parti che restano lontane dall'indice o, se prendiamo a modello una rivista, dal sommario, sono l'indirizzo dell'editore e quello dello stampatore, quella parte che una volta venva indicata come colophon.
Vero è che anche le riviste, le meno qualificate, presentano oggi sommari inutili e illeggibili, ma se ci facciamo guidare dalle buone riviste, vediamo che il sommario è sempre chiaro.
Dobbiamo comunque diffrenziare un prodotto che viene acquistato abitualmente, magari settimanalmente, da un prodotto "mordi e fuggi" come la pagina internet: la rivista la impariamo, diventa la nostra rivista e sappiamo a memoria dove trovare le cose; non così la pagina internet.
Far uno stupido esempio: libretto di istruzioni dell'auto, indice alfabetico degli argomenti. Cerco i tergicristalli, niente; li cerco sotto lavavetri, niente; dopo lungo sfogliare li trovo sotto la voce interruttore. Questo per dire che anche un ordine alfabetico pu essere inutile, se malfatto.
Così come un menu o meglio un indice di un sito.
Proviamo a pensarci.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21